Il 2019 dell’Inter: la Difesa

La meno battuta in Italia nell'ultimo anno

Archiviato il 2019, ripercorriamo l’ultimo anno dell’Inter, iniziando dal reparto di difesa, il quale si è dimostrato una certezza in questi ultimi mesi nerazzurri.

La difesa nerazzurra

Basti pensare ad un unico dato, l’Inter è stata nel 2019 la squadra meno battuta della Serie A, soltanto 33 le reti subite in 36 gare ufficiali, 3 in meno della Juventus. La retroguardia è diventato un punto di forza della squadra nerazzurra. Dallo schieramento a 4, con centrali difensivi de Vrji e Skriniar a dare certezza al reparto, con Miranda come ricambio fino a giugno, per poi passare a 3 con Conte, in cui vi è stato Godin come rinforzo difensivo, senza dimenticare il giovane Bastoni, positive le sue prestazioni quando è stato chiamato in causa.

A completare il reparto, il jolly D’Ambrosio ed l’uomo spogliatoio, Andrea Ranocchia. Ai lati, sicurezza al  pacchetto difensivo ha dato Asamoah, mentre con il nuovo modulo, si è trovato bene un giocatore offensivo come Candreva, da rivedere invece sulle corsie laterali, Biraghi e Lazaro. Oltre ai difensori, si può anche contare su un portiere di alto livello come Samir Handanovic, eletto per il secondo anno di fila, miglior portiere della Serie A, a completare una difesa di assoluta garanzia per l’Inter e di alto rendimento.