Ancora una conferma: Innarrestabile Lukaku anche in Coppa Italia

A soli due punti di distanza dalla Juventus, l’Inter di Antonio Conte ha perso il titolo di campione d’inverno per un soffio ma promette un testa a testa non del tutto scontato, sia in campionato che in Coppa Italia.

Di certo, l’arrivo sulla panchina del tecnico leccese da un lato, e importanti acquisti volti ad irrobustire la rosa nerazzurra dall’altro, come quello dell’attaccante belga Romelu Lukaku, hanno suggellato una nuova era in cui questo club ha tutte le carte in regola per tenersi alto in classifica e competere fino alla fine per la vittoria dello scudetto.

Dopo aver segnato in quasi tutte le partite dall’inizio di questo campionato, Lukaku si è imposto sin da subito impossessandosi letteralmente del campo e rivelandosi un ottimo acquisto degno delle squadre in lotta per lo scudetto.

A tal riguardo, infatti, per questa stagione l’Inter sembra essere l’unica vera rivale della Vecchia Signora nella lotta al titolo di campione d’Italia, approfittando altresì di défaillance altrui come quelle di un Napoli fiacco e sottotono che reduce da numerose sconfitte non riesce a risalire in classifica, allontanandosi sempre più dalla zona Europa League.

In Serie A, reduce dalla vittoria al San Paolo contro il club partenopeo per 1-3 con una doppietta dell’attaccante belga nel primo tempo ed un goal di Martinez al 62esimo, al Meazza l’Inter si prepara a nuove sfide, come quelle contro il Cagliari e la Fiorentina in programma rispettivamente il 26 ed il 29 di gennaio. Non sembrano essere due partite molte impegnative per i nerazzurri, con il club isolano che dopo un avvio di stagione brillante appare in netto in calo anche se nelle prossime giornate potrebbe tentare di recuperare qualche punto per non scendere ulteriormente in classifica, e la Fiorentina di Iachini che, tra le ultime in classifica, cercherà di accorciare le distanze per evitare il rischio retrocessione.

Sarà decisivo l’incontro contro i bianconeri previsto il 1 marzo che sarà a questo punto un vero banco di prova sia per gli uni che per gli altri, così come quello contro la Lazio di Inzaghi in programma per il 16 febbraio, che non mollerà di certo la presa, al momento in terza posizione in classifica.

Contro la Juventus nella sfida d’andata, l’Inter ha perso i primi tre punti al Meazza per un goal di Higuain all’80esimo, concludendo la partita per 1-2. Dopo un goal di Dybala dopo appena 4 minuti di gioco, al 17esimo l’Inter pareggia con un rigore di Martinez per fallo di mano di de Ligt. Contro la Lazio, invece, i nerazzuri riescono a vincere al Mezza per 1-0 grazie ad un goal di D’Ambrosio realizzato dopo 23 minuti di gioco. Nelle prossime sfide, i nerazzurri dovranno confermare il risultato dell’andata contro i biancocelesti, mentre tenteranno di ribaltarlo allo Juventus Stadium contro i bianconeri.

In Coppa Italia, invece, proprio la secca vittoria sul club isolano per 4-1 ha traghettato i nerazzurri verso i quarti di finale, grazie ad una doppietta di Lukaku, dopo appena un minuto di gioco e al 49esimo, seguito da Borja Valero al 22esimo del primo tempo e Andrea Ranocchia all’80esimo.

Ai quarti i nerazzurri incontreranno a sorpresa il club viola, dopo aver battuto l’Atalanta per 2-1 grazie al gol di Cutrone dopo appena dieci minuti di gioco e di Lirola al 84esimo. La prossima sfida sarà disputata a Milano il 29 gennaio, vedendo i ragazzi di Antonio Conte in netto vantaggio sui viola, come confermano i bookmaker come Skybet che danno il club nerazzurro come favorito per il passaggio in semifinale.

L’unico neo di questo campionato per i nerazzurri sembra essere stata l’eliminazione dalla Champions, dopo la sconfitta per mano del Barcellona nella fase a gironi che li ha fatti retrocedere ai sedicesimi di Europa League, dove incontreranno i bulgari del Ludogorets.

La sfida di andata si terrà il 20 febbraio in Bulgaria, mentre al Meazza si giocherà il 27 febbraio. Per la prima volta nella sua storia, la squadra è stata eliminata nella fase a gironi in due stagioni consecutive di Champions League ed è la seconda eliminazione per Antonio Conte nella fase a gironi su quattro stagioni da tecnico in questa competizione.