Di che animale è la bresaola? La risposta sorprende tutti: incredibile!

Di che animale è la bresaola? L’argomento di oggi diciamo che interessa un po tutti gli “appassionati” di questo insaccato che possiamo trovare in tutti i supermercati. Vi sono sul mercato diverse tipologie di bresaola ma certamente in pochi sanno realmente da che animale proviene e soprattutto come viene prodotta.

Probabilmente stiamo parlando di uno degli alimenti più apprezzati in tutta Italia e che viene consumato da diverse persone che intraprendono regimi alimentari personalizzati, ovvero persone che seguono delle diete. Essa è infatti povera di calorie e la bresaola più pregiata è quella della Valtellina che ha anche il marchio IGP. In pochi però sanno da quale animale realmente proviene la bresaola ed oggi lo andremo a scoprire. La risposta non è infatti scontata. Continuate a leggere questo articolo per approfondire l’argomento.

Di che animale è la bresaola?

Una delle credenze più popolari sulla bresaola è che essa proviene da bovini italiani. In realtà non è così. Infatti la bresaola proviene dalla carne congelata di zebù. Si tratta di un incrocio di bovino con la gobba che arriva addirittura dal Sudamerica che viene combinato con altre due razze di bovini francesi e poi con carne austriaca ed irlandese. Teniamo a precisare fin dal principio che non si tratta di una truffa alimentare. Infatti è consentito dalle leggi di produzione anche se è grave che il consumatore possa pensare che questo alimento provenga da carni semplici.

Secondo quanto infatti viene previsto dal disciplinare IGP si devono rispettare i tempi di stagionatura ma anche il metodo di elaborazione ed i tagli da usare. Non ci sono però grosse indicazioni sul tipo di materia prima che viene utilizzata nè sulla provenienza. Proprio per questo motivo la carne che viene usata per la bresaola può arrivare da qualsiasi nazione o anche da animali che non per forza sono bovini nostrani. Ovviamente questo discorso non può mai essere generalizzato a tutte le aziende. Ci saranno sempre quelle aziende italiane che utilizzano solo carni italiane per la produzione di bresaola. Nel disciplinare, infine, c’è scritto appunto che la produzione deve essere fatta in Italia ma non per forza con carni italiane. 

La bresaola è sicura?

Si, certo. La bresaola è un insaccato sicuro da mangiare. L’utilizzo di carni di animali stranieri infatti non può pregiudicare alcuna sicurezza nè qualità della bresaola. Ciò che conta è che comunque il prodotto sia a basso contenuto di grassi ed anche molto proteico.

Inoltre c’è da dire anche la carne di zebù è molto buona così come viene affermato dagli esperti del settore. Essa è molto magra ed è ideale per produrre la bresaola. Non ci sono differenze quindi se la carne proviene dall’Italia o da altre nazioni. Per quanto riguarda la Coldiretti invece vi sono diverse richieste di maggiore trasparenza per i produttori di bresaola e vorrebbero appunto che venissero utilizzate carni italiane o, quanto meno, specificare sulle etichette da dove provengono.