Come sudano i cani? Ecco quello che non sapevi del sudore del cane

Come sudano i cani? Molti padroni di cani si chiedono se questi sudano e come emettono il proprio sudore. La prima cosa che possiamo dire è che se il cane non emette proprio un buon odore…non dipende dal suo sudore! I cani sudano in modo completamente diverso dagli esseri umani e non emettono l’odore caratteristico del sudore umano. E in ogni caso, non hanno ghiandole sudoripare nell’epidermide sotto il pelo. Il sudore dei cani viene emesso in modo completamente diverso. Scopriamo insieme come.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
LovePet Dent, l'igiene orale di cane e gatto adesso è semplice e sicura

Come sudano i cani? Ecco quello che non sapevi del sudore del cane

I cani amano il movimento: correre, giocare, con i propri umani e con gli altri cani. E questo gli causa il sudore, proprio come in tutti gli altri esseri viventi hanno bisogno di emettere il calore accumulato per non soffrire e mandare il corpo in difficoltà. I cani, però, sudano in modo molto diverso rispetto a noi. Le ghiandole sudoripare del cane non si trovano infatti nell’epidermide, come per gli esseri umani o per i cavalli, ma in altri luoghi del corpo che sono quelli generalmente dedicati alla termoregolazione.

Il sistema termoregolatore del cane è decisamente più complesso di quello umano. Il pelo che copre la sua pelle impedirebbe ad eventuale gocce di sudore di evaporare, e quindi lo bagnerebbe e il cane avrebbe ancora più caldo. Il calore, quindi, deve “trovare altre strade” per essere smaltito. La natura poi ha creato delle diversificazioni in base alla taglia del cane: il cane di taglia piccola ha un sistema termoregolatore migliore dei cani di taglia grande, ma soffre di più il caldo. E cioè, un cane grande soffre meno il caldo dei cani di taglia piccola, proprio perché il suo sistema termoregolatore è meno funzionale, e ha maggiore resistenza. Attenzione, però, a non sovraesporre né l’uno né l’altro.

Il cane, quindi, suda attraverso differenti parti del corpo. La prima è rappresentata dai cuscinetti sotto le zampe. Questo crea quell’alone di umido attorno alle orme del cane quando fa davvero molto caldo, ed è il motivo per cui bisogna evitare di portare il cane a spasso sull’asfalto bollente nelle ore più calde del giorno: rischia il colpo di calore. Anche la lingua è uno dei punti attraverso il quale i cani sfogano il calore. Non è infrequente vedere il cane con la lingua di fuori quando fa caldo, e bere serve anche a dare sollievo alla temperatura corporea oltre che a reidratarsi: tenete sempre a disposizione del cane acqua fresca, anche quando fa attività fisica durante l’inverno. La combinazione respirazione affannosa e lingua fuori dalla bocca costituisce una parte del sistema termoregolatore canino. Ricordiamo che la temperatura corporea normale del cane deve essere compresa fra 38 e 39ºC.

Respirare in modo affannoso per il cane è molto importante dopo gli sforzi. Il cane sfoga così il suo innalzamento della temperatura: non preoccuparti e non rimproverarlo se sbava o se tende a produrre più saliva del solito. Se il cane ha necessità di indossare la museruola, ricorda di usarne una che consenta sempre al cane di avere il minimo spazio e l’aria necessari a rinfrescarsi. Ricorda infine che anche il muso e le orecchie sono zone sensibili al calore e che aiutano il cane a tenersi fresco. Bagnarle quando fa molto caldo può aiutare ad abbassare la temperatura del cane.