Cosa mangiare quando si ha la glicemia alta? Pazzesco ecco i 10 frutti migliori

Quando si ha la glicemia alta è necessario mangiare frutta che possiede molte fibre. Queste sostanze, infatti, sono molto importanti nella dieta preventiva e curativa per il diabete. E allora ecco perchè la dieta per il diabete in genere deve essere sempre molto ricca di fibre, in particolare quelle che aiutano l’assorbimento intestinale. Bisogna preferire carni magre e bianche. Bere una tazza di latte parzialmente scremato o scremato al giorno oppure uno yogurt magro. Assumere formaggi e latticini non più di 2 volte a settimana. Quando si cucina bisogna ricorrere all’olio di oliva evitando i grassi “saturi” come burro, strutto, panna, pancetta.

Ecco i dieci frutti quando si ha la glicemia alta?

More (IG 25). Con appena 43 calorie per 100 grammi, le more sono un frutto a basso indice glicemico. Si possono liberamente consumare quando si ha il diabete. Le more sono ricche di vitamine, minerali, fibre alimentari e antiossidanti.

Mirtilli (IG 25). Una ricerca scientifica ha dimostrato che la somministrazione di antocianidine dei mirtilli neri sono in grado di ridurre la glicemia postprandiale e l’insulinemia in soggetti con diabete mellito o prediabete. I mirtilli proteggono la funzione visiva e il tono venoso

Lamponi (IG 25). I lamponi possono favorire il controllo della glicemia in persone con pre-diabete. Quelli rossi hanno un effetto positivo sul controllo della glicemia, in particolare nelle persone con pre-diabete e insulino-resistenza.

Fragole (IG 25). Uno studio ha scoperto che se consumate in dosi adeguate hanno la capacità di ridurre il colesterolo-LDL, i trigliceridi e di regolare i livelli di glicemia nel sangue.

Ciliegie (IG 25). Hanno un indice glicemico pari a 22. Per questo rientrano tra gli alimenti con indice glicemico molto basso. 

Pompelmi (IG 30). Sono ricchi di fibra solubile e vitamina C. Hanno un indice glicemico inferiore a 25. Contengono la naringenina che aumenta la sensibilità del corpo all’insulina e aiuta anche a mantenere un peso normale. Basta mezzo pompelmo al giorno per aiutare a controllare il livello di zucchero nel sangue.

Mandarini (IG 30). Hanno un indice glicemico pari a 30. Possono essere un alimento con un basso indice glicemico.

Albicocche (IG 30). Possiedono un carico glicemico basso pari a 3. Significa che mangiare albicocche con moderazione non aumenta eccessivamente i livelli di zucchero nel sangue

Prugne (IG 35). Quelle fresche hanno un indice glicemico molto basso. Sono quindi perfette per la dieta dei diabetici. L’indice glicemico è la variazione della glicemia determinata dall’ingestione di un alimento. Più è alto questo valore, meno l’alimento si rivela adatto per i diabetici.

Pesche (IG 35). Il carico glicemico delle pesche è 5. Questo significa che mangiare una porzione di 120 g di frutta cruda o un piccolo frutto non provoca fluttuazioni estreme dei livelli di zucchero nel sangue nei diabetici.